Masters 2017, i power rankings

Volete cinque nomi da puntare sul Masters 2017? Ve li darò. Ma ricordate che non ne ho mai beccato uno e che ad Augusta ultimamente si vive di sorprese: il successo di Danny Willett nel 2016 – un europeo non vinceva dal 1999 – è stata solo l’ultima di una catena di epiloghi inattesi. Read More

Annunci

Vogliamo l’instant replay nel golf?

Lexi Thompson è stata penalizzata di quattro colpi, e ha perso un torneo, per aver posizionato la palla in maniera scorretta sul green e aver firmato uno score sbagliato nel round del sabato. Fin qui non ci sarebbe alcun problema. La situazione diventa sorprendente perché la violazione è stata ravvisata da uno spettatore in tv, che poi l’ha segnalata ai giudici, i quali il giorno seguente hanno rivisto le immagini e durante l’ultimo giro sono andati da Thompson, in campo, per avvisarla della penalità. Read More

Una bella giornata

E quindi, la stagione 2016 è finita.Gioco a qualcosa/faccio sport da quando avevo 7 anni, alcune robine erano pure venute a casa – piazzamenti a medaglia nello sci, una finale “seria” nel basket – ma niente di rimarcabile, nessuna vera vittoria.

Assieme a Jonatan Binotto, ex calciatore di Juventus e Bologna e socio del circolo


Ieri è stato un giorno importante. Il torneo a tappe stagionale del Golf Club Monteveglio si è chiuso con una vittoria nella finale, bissando il successo di giovedì nell’ultima gara di playoff. Davanti a tutti nella classifica generale, trofeo, qualificazione per il round internazionale a Santo Domingo nel 2017. E la cosa che più mi ha riempito di soddisfazione è stato farlo in uno sport che ho iniziato a praticare da due anni, giocando “contro e assieme” ai miei limiti tecnici, tattici e soprattutto mentali. Un passetto alla volta, scoprendo settimana dopo settimana qualcosa in più su me stesso.

Con gli amici Luca Aquino e Ludovico Gruppioni


Questo non per celebrare la mia gioia, ma per rammentare che non è mai troppo tardi per spostare il proprio limite un po’ più in là. 

#takeabow

Che la mente sia con te, golfista

Inghiottita dall’erba cresciuta selvaggia sulla sponda del lago, la pallina non ha nemmeno fatto il suono frusciante che contraddistingue il cattivo tiro. A dire il vero, qualsiasi rumore, eccetto quello sordo del fairway colpito di netto, è un pessimo presagio. Di solito, a quel punto, si odono solo le sommesse imprecazioni del golfista maldestro. Ma la “mia buca 9”, quella del Monteveglio Golf Club, assomiglia più a un esame di vita. Ogni volta ripetuto, anche se superato, perché ogni giro – e quindi ogni colpo – fanno storia a sé. Alla buca 9 del Monteveglio, l’umanità si separa in due grandi gruppi: i coraggiosi, che vanno sempre all’attacco e non si curano se sbaglieranno perché tanto si può sbagliare anche stando prudenti – la citazione è per il grande Arnold Palmer, il più solenne interprete di questa teoria, scomparso domenica scorsa – e i conservatori, capaci di calcolare al meglio l’entità del rischio per compiere la scelta meno pericolosa possibile. Read More

E se a Rio facessimo il colpaccio?

Inizia il torneo olimpico di golf e i grandi favoriti, nonostante le molte defezioni, restano i super big. Rickie Fowler, Bubba Watson, Sergio Garcia, Henrik Stenson, Justin Rose tanto per citarne alcuni, ma non tutti, tra quelli che abitano la fascia migliore del ranking golfistico mondiale. Noi italiani mandiamo Nino Bertasio e Matteo Manassero, molto indietro nelle classifiche e assolutamente non accreditati per vincere. Eppure, abbiamo qualcosa da dire. Read More

Road to Rio, l’emozione di Manassero

Matteo Manassero, che insieme a Nino Bertasio, Giulia Molinaro e Giulia Sergas difenderà i colori azzurri alle Olimpiadi, ha così commentato, con una dichiarazione in esclusiva, il suo ingresso in squadra:“Sono dispiaciuto che Francesco Molinari abbia scelto di non partecipare alle Olimpiadi, ma sono felice di aver avuto l’opportunità di poter rappresentare l’Italia a Rio 2016. Mi sento in forma, soprattutto alla luce degli ultimi risultati, mi emoziona l’idea di gareggiare ai Giochi Olimpici”. 

Ufficio stampa Federgolf

Azzurri a Rio, Manassero all’Open

Quattro giocatori azzurri si sono qualificati per le Olimpiadi di Rio 2016: Francesco Molinari e Nino Bertasio, in campo nel torneo maschile, e Giulia Sergas e Giulia Molinaro in quello femminile.
Il golf manca dalle Olimpiadi da 112 anni dopo le uniche due apparizioni a Parigi nel 1900 e a St. Louis nel 1904. La gara olimpica maschile avrà luogo dall’11 al 14 agosto e quella femminile dal 17 al 20 agosto con formula stroke play, 72 buche. Si giocherà sul percorso disegnato dall’americano Gil Hanse, e realizzato nella zona di Barra da Tijuca, nelle vicinanze del villaggio olimpico.Gli azzurri certi della partecipazione a Rio 2016 sono 278 (145 uomini, 133 donne) in 28 discipline differenti, con 194 pass individuali.

Allo Scottish Open a Inverness, intanto, Matteo Manassero ha chiuso al terzo posto (-12) al termine di quattro brillanti round. Manassero ha staccato il biglietto per l’Open inglese in programma a Troon, dopo aver già disputato il mese scorso lo US Open.

La prima volta di Dustin nel weekend di Manassero

Dustin Johnson ha vinto lo Us Open nel temibile campo di Oakmont, in Pennsylvania. Finalmente anche Dustin ha messo in bacheca il primo major della sua carriera, al termine di una gara complicata dal maltempo all’interno di un percorso suggestivo ma già pieno di insidie. Spettacolare l’ultimo colpo al green di Johnson, per siglare il birdie che ha suggellato la gara. “Il più bel colpo della mia carriera” ha detto il campione raccolta la pallina alla 18esima buca. Read More